.
Annunci online

 
Aralda 
Non mi sono dato alla politica perché non sopportavo l'idea di avere sempre ragione!
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Dagospia
Oltre la verità ufficiale
PEACELINK - Info senza filtro
Le grandi notizie - Riservato!
NoReporter - Altra Informazione
I nostri misteri!
Lorenzo - COREdeROMA
Il sito dell'africa e del mondo nero
  cerca

Libri

Ho riletto "Il vecchio e il mare" di Ernest Hemigway. E' stato terribile e spietato, nella sua semplice bellezza, come tutte le altre volte.. Certe opere dell'intelletto umano vanno ben oltre le potenziali capacità di chi le produce, come ben sanno gli stessi autori, che difficilmente nella loro vita riescono a ripetere il 'miracolo'. "Il vecchio e il mare", ma anche "Cent'anni di solitudine" di Gabriel Garcia Marquez, sono 'prodotti' unici perché l'autore è riuscito a riprodurre in loro, senza avere piena coscienza di come abbia fatto, quelle emozioni, quei sentimenti, quegli stati d'animo umani dei quali si ha solo una coscienza diretta, cioè – al massimo – si riescono a vivere. Quindi riuscire a trasferirli ad altri attraverso lo strumento della ‘parola scritta’ è veramente un’impresa disperata, come ebbe a dire più volte lo stesso Hemigway ai vari aspiranti scrittori. Ad esempio, “Il nome della Rosa” di Umberto Eco è sicuramente un bellissimo romanzo, originale e coinvolgente, ma non ha la ‘magia’ delle opere uniche; i sentimenti, le emozioni in questo romanzo vengono perfettamente descritte e maestralmente ‘proiettate’ nel contesto più appropriato, ma non vanno oltre, cioè non fanno scattare in chi legge quel meccanismo che si attiva quando queste emozioni vengono realmente vissute.                            


Strani personaggi..
 

 
I miti a motore!



Parlamento pulito?


IPSE Dixit                                      "I più pensano che in politica bisogna far tacere la coscienza e che quindi vi sia una morale per l'uomo politico ed una per l'uomo privato. Per me la morale è una sola, e chi è canaglia nella vita politica, resta canaglia anche nella vita privata."  Sandro Pertini




Le foto presenti su Aralda sono
state in larga parte prese da
Internet e quindi valutate di
pubblico dominio. Se i
soggetti o gli autori avessero
qualcosa in contrario alla
pubblicazione, non avranno
che da segnalarlo
a: radioaralda@virgilio.it,
che provvederà prontamente
alla loro rimozione.

 

 

 

 

 

 

 

 

Il buon pensiero: "Ognuno vale quanto le cose a cui dà importanza."
(Marco Aurelio)


 

Diario | Breviario | Minime | Immagini | Gli articoli nascosti | Il personaggio | La citazione | Film |
 
Diario
1visite.

30 agosto 2010

Metti un giorno a Roma con un dittatore..

Perché quando si parla di Mu'ammar Gheddafi è di questo che si sta parlando, di uno spietato dittatore, che (come tutti i dittatori) non ha e non ha mai avuto remore nel compiere ogni sorta di nefandezza per mantenersi al potere.

Il nostro führer (“capo” o “guida” in tedesco) ha deciso che questo sanguinario dittatore è nostro amico, nel senso che è amico dell’Italia e ha deciso, lo scorso anno, di stipulare con lui un “Trattato di amicizia fra Italia e Libia”, “volto al rafforzamento della pace, della sicurezza e della stabilità nell'area del Mediterraneo, impegna le parti a non ricorrere alla minaccia o all'impiego della forza, a non ingerire negli affari interni, a ricercare soluzioni pacifiche delle controversie e a rispettare i diritti umani e le libertà fondamentali”, tantè che Gheddafi si è subito mobilitato per risolvere il problema dell’immigrazione clandestina tra Libia e Italia, mettendo in campo i suoi profondi convincimenti in merito di diritti umani: ha lasciato morire di stenti i profughi che costantemente attraversavano il deserto libico in direzione nord, verso il mare e i barconi (libici) della “speranza”. In questo modo non ha scontentato né i ‘suoi’ trafficanti di uomini, usciti indenni dall’illecito traffico (magari con altre prospettive di ‘business’), né il nuovo amico che gli chiedeva una mano per affrontare un’emergenza che lo stava mettendo in cattiva luce con i propri elettori.

Mi piacerebbe conoscere i dettagli di questo “Trattato di amicizia fra Italia e Libia”, soprattutto per quanto concerne gli stanziamenti di denaro pubblico, visto che sono soldini di tutti gli italiani..



Come ho scritto l’anno scorso, personalmente il colonnello mi piaceva di più quando ci bombardava, almeno in quel contesto era chiaro a tutti (paesi occidentali e paesi arabi) chi fossero i buoni e chi invece i cattivi, ognuno dal proprio punto di vista ovviamente..

26 agosto 2010

Francesco Cossiga

Una vita piena di medaglie quella di Francesco Cossiga, ma quasi tutte avute “senza combattere”.. Capisco che una persona dotata di grandi capacità intellettuali come lui possa cedere alla tentazione di voler ‘essere tutto’, ma quello che invece non riesco a capire è come possa trarre soddisfazione dal conferimento di bandierine e pergamente, nomi e titoli puramente figurativi..

Personalmente mi sembra un comportamento un po’ “infantile” (aggettivo usato senza malizia), come quello del bambino che una volta vestito da cowboy si sente più forte di John Wayne “el Grinta” nel domare il suo cavallino di legno e più veloce di Clint Eastwood “il Buono” nell’estrarre la sua pistoletta di plastica..

Si è fatto nominare da un Capo di Stato Capitano di Fregata (grado militare delle Marina equivalente a tenente colonnello nell’esercito), arrivando ad indossare addirittura la divisa, senza aver fatto un giorno di accademia, senza sapere come si governa una nave, senza capire cosa vuol dire stare dei mesi in mare.

Si è fatto anche nominare Appuntato dell'Arma dei Carabinieri, anche qui arrivando ad indossare la divisa come un vero carabiniere, cioè quelli che passano metà della loro vita in caserma, sulle strade in pattuglia, facendo turni di guardia di giorno e di notte..

Francesco Cossiga, Sassari 26 luglio 1928 – Roma 17 agosto 2010

  • Famiglia di origine (dagli Zanfarino ai Berlinguer, dai Satta-Branca ai De Villa) con appartenenti alla Massoneria nazionale del Grande Oriente di Palazzo Giustiniani, del Rito Scozzese Antico e Accettato.*
  • Laurea in Giurisprudenza.
  • Già allievo e assistente del grande Maestro di diritto pubblico Giuseppe Guarino, ha condotto i studi di teoria generale e di filosofia del diritto sotto la grande guida culturale ed etica di Giuseppe Capograssi, sotto le cure spirituali del padri rosminiani della Basilica di San Carlo al Corso.*
  • Prima assistente universitario, poi docente all'Università di Sassari.
  • Iscritto della Democrazia Cristiana dal 1944 al 1992 (già iscritto al GUF - Gruppi Universitari Fascisti).*
  • Già spostato con Giuseppa Sigurani (matrimonio durato 33 anni finito con una separazione nel 1993, seguita 5 anni più tardi dal divorzio e successivamente dall’annullamento del tribunale della Sacra Rota).
  • Già Deputato della Repubblica.
  • Già sottosegretario al ministero degli Interni.
  • Già presidente del Senato.
  • Già presidente del Consiglio dei Ministri.
  • Già presidente della Repubblica.
  • Senatore a vita quale e Presidente Emerito della Repubblica.
  • Capitano di Fregata (CM)** della Marina Militare - per motivi di età nel 2006 transitato nella Riserva Assoluta. Conferito del Distintivo d'Onore dei "Commandos" della Marina Militare, oltre che le Aquile d'Onore di Osservatore Militare e di Pilota Militare.*
  • Appuntato d'Onore dell'Arma dei Carabinieri.*
  • "Doctor of Civil Law" (DCL) non "honoris causa"! dell'Università di Oxford.*
  • Honorary Fellow del Saint Mary's Hall and Oriel College.*
  • Ha ventuno lauree "honoris causa".*
  • Servitore della Repubblica.

* Da un testo pubblicato da “Libero” nel Giugno 2002

** Era Capitano di Fregata per nomina presidenziale, ma era più noto per il suo precedente grado di Capitano di Corvetta, sempre conseguito con provvedimento di un Capo dello Stato; il fatto emerse pubblicamente quando nelle lettere di un magistrato suicida, il cagliaritano Lombardini, vi si alluse come ad un soprannome usato dei fidatissimi del circolo presidenziale: ossequioso delle regolamentazioni interne alla gerarchia della Marina (che prevedono l'autorizzazione del superiore gerarchico per assumere incarichi pubblici, per l'ufficiale in servizio), il giorno del suo insediamento deviò il corteo presidenziale - che da Montecitorio saliva al colle del Quirinale - per raggiungere l'edificio del Ministero della Marina dove, in divisa da Capitano di Fregata chiese al Capo di Stato Maggiore della Marina Militare l'autorizzazione a rivestire la carica di Capo dello Stato.

Onorificenze italiane

Capo e Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana - Roma, dal 3 luglio, 1985 al 28 aprile, 1992 in qualità di Presidente della Repubblica

Capo dell'Ordine militare d'Italia

Capo dell'Ordine della Stella della Solidarietà Italiana

Capo dell'Ordine al Merito del Lavoro

Capo dell'Ordine di Vittorio Veneto

Gran Croce al merito della Croce Rossa Italiana

Onorificenze straniere

Cavaliere di Gran Croce, con Placca d'Oro, decorato del Collare dell'Ordine Costantiniano di San Giorgio

Balì di Gran Croce di Onore e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta

Collare dell'Ordine al Merito Melitense (Malta)

Collare dell'Ordine Piano (Città del Vaticano)

Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)

Gran Croce dell'Ordine di San Marino (Repubblica di San Marino)

Gran Croce dell'Ordine del Bagno (Regno Unito)

Gran Croce dell'Ordine di San Michele e San Giorgio (Regno Unito)

Collare dell'Ordine dei Serafini (Svezia)

Collare dell'Ordine al Merito della Repubblica di Polonia (Polonia)

Croce di Comandante con Stella dell'Ordine della Polonia Restituta (Polonia)

Collare dell'Ordine del Liberatore (Venezuela)

Collare dell'ordine della Croce del Sud (Brasile)

Collare dell'Ordine del Sole del Perù (Perù)

Gran Collare dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo)

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Cristo (Portogallo)

Collare dell'Ordine del liberatore San Martín (Argentina)

Collare dell'Ordine della Sovranità di Mohammed (Marocco)

Collare dell’Ordine dell'Indipendenza (Qatar)

Collare dell'Ordine al merito del Cile (Cile)

Collare dell'Ordine di Re Hussein (Giordania)

Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine di Leopoldo (Belgio)

Classe speciale della Gran Croce dell'Ordine al Merito Federale (Germania)

Gran Cordone dell'Ordine del 7 novembre (Tunisia)

Cavaliere di I Classe dell'Ordine della Bandiera d'Ungheria (Ungheria)

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Orange-Nassau (Paesi Bassi)

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Dannebrog (Danimarca)

Cavaliere di Gran Croce della Corona di Quercia (Lussemburgo)

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Falcone (Islanda)

Gran Croce dell'Ordine di Re Tomislavo di Croazia

Gran Croce dell'Ordine al Merito (Repubblica d'Egitto)

Grand'Ufficiale dell'Ordine dell'Aquila Azteca (Messico)

Rajà nell'Ordine Sikatuna (Filippine)



Francesco Cossiga, presidente della Repubblica, riceve dal ministro della Difesa Arturo Parisi la promozione al grado onorifico di Vice Brigadiere dell Arma dei Carabinieri e la qualifica di Operatore del Gis alla presenza del comandante generale dell'Arma Gianfrancesco Siazzu (Ansa)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. francesco cossiga

permalink | inviato da Aralda il 26/8/2010 alle 14:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

25 agosto 2010

Bandiere al vento



Pare che un tratto di mare annoverato tra quelli ‘battezzati’ con la Bandiera Blu (2010) ha spedito in ospedale decine di bimbi, infettati da un virus generalmente presente nelle feci..

La procedura operativa adottata da quelli di Bandiera Blu per l’assegnazione dell’ambita bandierina alle nostre spiagge prevede controlli sulla qualità delle acque (tra i quali quelli sulla “Conformità alle Direttive sul trattamento delle acque reflue e sulla qualità delle acque di scarico”), sulla qualità della costa, sui servizi e le misure di sicurezza, ed infine su l’educazione ambientale.

Quindi la ‘buona intenzione’, almeno nero su bianco, loro l’hanno messa, ma poi questi controlli li hanno praticamente effettuati o si è trattato anche questa volta di controlli, diciamo, all’italiana?

Decine di bambini ricoverati nel Teramano per enterite
Proteste dei turisti per il mancato divieto di balneazione

21 agosto 2010 20:04

Decine di bambini sono stati ricoverati negli ospedali del teramano a causa di una infezione da rotavirus che provoca la gastroenterite e che ha colpito soprattutto i villeggianti tra la zona di Alba Adriatica e Martinsicuro. I turisti accusano le autorita' locali di avere trascurato l'episodio della moria di pesci avvenuto a Ferragosto nel torrente Vibrata - che sfocia in mare ad Alba Adriatica - che avrebbe dovuto suggerire il divieto di balneazione nella zona; la campionatura dell'acqua effettuata dall'Agenzia regionale per la tutela ambientale (Arta) il 18 agosto sulle acque di scarico, in uscita dal depuratore consortile di Villa Rosa, aveva rilevato una concentrazione di batteri di origine fecale in un numero fortemente piu' alto rispetto a quello massimo previsto per legge. Non esiste per il momento un nesso causale di natura scientifica che possa collegare la moria di pesci con l'epidemia di gastroenterite. Secondo quanto riferito dai medici dell'ospedale di S.Omero, dove nei giorni scorsi sono arrivati moltissimi pazienti tra adulti e bambini, la situazione e' sotto controllo: alcuni minori, per esigenze di posto, sono stati trasferiti in altri ospedali. Nel 90% dei casi i bambini che si sono ammalati sono figli di turisti; la trasmissione dell'infezione avviene per via oro-fecale, ma e' possibile anche la trasmissione per via respiratoria o per contatto. Da: SiciliaInformazioni.com


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. spiagge bandiera blu

permalink | inviato da Aralda il 25/8/2010 alle 14:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

23 agosto 2010

Questioni di PIL

Il “lenzuolo” che ho visto qualche giorno fa girando per il centro di Ragusa (vedi il post precedente) mi ha fatto riflettere sulla questione della crisi economica che attanaglia da tempo l’Europa e che sembra sia partita dall’America. Se ne sente parlare da anni ma, come al solito, nulla di questa crisi è stato mai chiarito: quando è iniziata? Cosa l’ha veramente scatenata? A che punto siamo? Che prospettive ci sono per vederne la fine?

Ho provato a fare una piccola, semplice (i miei mezzi sono quelli che sono..) indagine partendo dall’analisi dell’andamento del PIL (Prodotto Interno Lordo), che nelle economie come la nostra (e quella americana) tiene conto del valore complessivo dei beni e servizi destinati ad usi finali prodotti all'interno di un Paese in un certo intervallo di tempo (solitamente l'anno), diminuiti dei consumi: in pratica è un valore percentuale che “marca” l’andamento dell’economia di un Paese. Quindi, se la crisi è partita dagli USA per poi approdare in Europa, l’andamento del PIL americano messo a confronto con quello di alcuni paesi europei potrebbe fornire un’indicazione oggettiva sull’inizio e l’andamento della crisi che ci ha colpito.

Dai siti Istat ed Eurostat è possibile visualizzare i dati e gli andamenti del PIL dei singoli stati europei, la media annua di tutta la UE (a 15, 25 e 27 stati) e di altre nazioni del mondo. Nella tabella che segue è riportata una sintesi dei valori del PIL rilevato dai due istituti nell’ultimo decennio, dal quale emergono alcuni aspetti decisamente interessanti, li elenco:

1. Il PIL USA nel periodo 1997->2000 ha avuto un andamento decrescente, toccando un minimo “drammatico” (per l’economia USA) nel fatidico anno 2001, quello dell’attentato alle torri gemelle, per poi segnare una crescita più o meno costante nei successivi cinque anni.

2. L’andamento del PIL medio europeo ha seguito sostanzialmente l’andamento del PIL americano, senza però il crollo del 2001.

3. L’andamento del PIL medio europeo è tutto sommato in linea con quello della Francia, Stato confrontabile con l’Italia che ho preso come riferimento (la Germania doveva smaltire gli effetti della la riunificazione, l’Inghilterra, a livello economico, non mi è sembrata completamente allineata al resto degli altri Stati UE, la Spagna ha un’economia troppo differente dalla nostra, il resto degli Stati non sono a mio avviso paragonabili all'Italia, economicamente parlando).

Confrontando l’andamento del PIL della Francia con quello dell’Italia, e sullo sfondo con quello USA (passando attraverso il PIL medio UE), non ho invece capito lo zero tondo (cioè economia ferma) registrato nel 2003 e nel 2005 e poi il valore negativo del 2008. Il 2009, poi, è stato un anno ORRIBILE! 

Anno

Governo Italia

PIL Italia

PIL Francia

PIL medio UE-27

PIL medio U.S.A.

1996

Prodi I (da maggio)

+2,1%

-

-

-

1997

Prodi I (fino ad ottobre)

+1,9%

+2,2%

+2,7%

+4,5%

1998

D’Alema I

+1,4%

+3,5%

+2,9%

+4,2%

1999

D’Alema I

+1,7%

+3,2%

+3,0%

+4,4%

2000

D’Alema II

+3,6%

+4,0%

+3,9%

+3,7%

2001

Berlusconi II (da giugno)

+1,8%

+1,9%

+2,0%

+0,8%

2002

Berlusconi II

+0,3%

+1,0%

+1,2%

+1,6%

2003

Berlusconi II

+0,0%

+1,1%

+1,3%

+2,5%

2004

Berlusconi II

+1,1%

+1,7%

+2,5%

+3,9%

2005

Berlusconi II

+0,0%

+1,3%

+1,7%

+3,2%

2006

Berlusconi III (fino a maggio)

+1,9%

+1,3%

+3,0%

+3,3%

2006

Prodi II (da maggio)

+1,9%

-

-

-

2007

Prodi II

+1,9%

+1,3%

-

-

2008

Berlusconi IV (da maggio)

- 1,0%

+0,3%

-

-

2009

Berlusconi IV

- 5,0%

- 2,1%

-

-


Cosa è successo (e succede) alla nostra economia? Perchè i francesi sono andati meglio di noi?
Mi piacerebbe sapere cosa hanno capito i nostri ministri dell'economia di questa crisi e che cosa pensano di fare nel medio e lungo termine per porvi rimedio. Avranno idee in merito..? 

La situazione del PIL oggi:

Paesi Ocse, Pil +2,8% nel secondo trimestre rispetto al 2009

La Germania traina la ripresa in Europa, mentre Usa e Giappone crescono meno del previsto

ROMA - Il prodotto interno lordo (Pil) nell'area Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) è cresciuto del 2,8% rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente e dello 0,7% sul secondo trimestre del 2010. In Germania il Pil è cresciuto da aprile a giugno del 3,7% rispetto al secondo trimestre 2009. Tra i sette maggiori Paesi l'Italia registra la crescita tendenziale più bassa: +1,1% sull'anno prima, mentre rispetto al primo trimestre 2010 è confermata per l'Italia la crescita dello 0,4%, come già comunicato dall'Istat lo scorso 6 agosto e ribadito dall'Eurostat il 13 agosto.

DATI - I dati dell'Ocse riguardanti l'Ue e l'Eurozona (+1) sono identici a quelli di cinque giorni fa dell'Eurostat, che già mostravano il forte traino dovuto alla crescita della Germania (+2,2% del secondo trimetre sul primo 2010), «la più alta dalla riunificazione», ricorda a sua volta l'Ocse nel comunicato. Bene anche il Pil nel Regno Unito dove è cresciuto dell'1,1%. In Francia nel secondo trimestre 2010, rispetto a gennaio-marzo di quest'anno, il Pil è salito dello 0,6%. Su base tendenziale, il Pil dell'Europa (sia per l'Unione europea che per Eurolandia) è cresciuto ad aprile-giugno di quest'anno dell'1,7%. Nel complesso dei Paesi del G7 il prodotto interno lordo nel secondo trimestre 2010 ha visto un aumento del 2,7% rispetto a aprile-giugno 2009. Basso invece l'incremento degli Stati Uniti: +0,6% del secondo trimestre sul primo e +3,2% rispetto al secondo trimestre 2009, e del Giappone (rispettivamente +0,1% e +1,9%). da Corriere.it

Poi, giusto per restare in tema di attualità, cosa hanno fatto oggi i fratelli Tulliani?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pil economia italiana

permalink | inviato da Aralda il 23/8/2010 alle 16:26 | Versione per la stampa

23 agosto 2010

Lenzuolate ragusane


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Lenzuolate ragusane

permalink | inviato da Aralda il 23/8/2010 alle 10:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

10 agosto 2010

Finalmente un po’ di (meritate) ferie!



Ci si aggiorna non appena passa questo ferragosto, occhio..

Buone vacanze (per chi va)!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Ferie d'estate

permalink | inviato da Aralda il 10/8/2010 alle 19:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio        settembre